La playlist dell’aereo

La playlist dell’aereo. Un po’ dream pop – con ovvi momenti di pesantezza. Per viaggi di un paio d’ore. Se avete meno tempo, tagliate The dark side of the moon ascoltando solo Eclipse e Brain Damage. Per una variante meno classica, optate per la versione dei Flaming Lips con Henry Rollins. Ricetta #borchiebriciole. 1. The…

I milanesi ammazzano il sabato, Afterhours

E arriviamo all’album che non capisco, degli After. L’album della paternità e delle fasi che non ho vissuto. Delle fasi che non voglio vivere. L’album dove salvi alcuni spunti, dove intravedi ancora l’uomo che era lí dietro. Prima dei figli e delle reaponsabilità. Prima delle ninnenanne e delle notti in piedi. Cioè, in piedi per…

Comunicazione di servizio

Dice che è buona prassi annunciarlo, quando si fa il restyling a un blog. Che altrimenti gli utenti – che sareste voi lettori – potrebbero rimanere spiazzati. (Si vede che sto studiando UX design?) Comunque – è quasi passato un anno dalla nascita di borchiebriciole.com e sono qui a dirvi che il blog ha cambiato…

And the stars look very different today

Come quando vorresti avere ancora qualcosa da dire. Che metti giù il telefono. Attonita. La notizia arriva veloce. 69 anni, due giorni fa. Black Star, due giorni fa. E rimani lì – con il sapore del cambiamento tra le mani. Come quando vorresti avere ancora qualcosa da dire. E ripensi a Five Years e alla…

Boys don’t cry, The Cure

Quest’album, quest’album. Confesso di aver appena scoperto quest’album. Che qualche settimana fa ero nella my old Milano, con F. Ed era sabato sera, un sabato sera in mezzo a un concerto dei Verdena e a una presentazione di Agnelli al Bloom. Ipoteticamente dull, sabato sera. E un freddo cane, che continuavamo a guardare l’indicatore luminoso…