Come quando eravamo a Milano a guardarci le vene

Mancano le attese e mancano le notti. E la familiarità e la quotidianità. Mancano amiche che cambiano vita, mancano pause e sigarette. Mancano tutto ciò che era scontato e le notti in macchina verso i concerti. Mancano le sere, manca il caldo e la luce in arrivo. Manca il 4 che sbircia l’orrore dei palazzi…

The Winstons, The Winstons

Oh – io arrivo tardi ma arrivo eh. Non è che non li avessi ascoltati appena usciti, ‘sti tre The Winstons dalle facce déjà vu. È che servivano tempo e pressione, per capirlo seriously – quest’album. Perché è potente e carico. Richiede attenzione e pazienza. Impegno, persino. Richiede orecchie disposte a far fluire la musica…

Iniziamo dagli U2

C’è stato un tempo, un tempo moltomolto lontano, in cui gli U2 non facevano cagare. Un tempo in cui Bono non sembrava ancora Malgioglio e Edge non aveva il cappellino in lana. Larry e Adam erano fighi allora e pure mò – che volete che vi dica. Un tempo moltomolto lontano in cui avevano qualcosa…

Just like honey, the Jesus and Mary Chain

La scena finale di Lost in Translation. Quel film sospeso, quel film impossibile. Che si chiude con una colonna sonora impossibile. L’unico bacio. La fine. E con la dolcezza della distorsione, i Jesus and Mary Chain suggerivano le parole adatte. Le parole del desiderio e le parole delle promesse. Just like honey. E con tutta…